Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

multilingua

Normanni
La conquista dell'Italia meridionale da parte dei Normanni.

I Normanni, da semplici mercenari a Signori dell’Italia meridionale.

I Normanni, giunti in Italia meridionale nell’XI secolo da semplici guerrieri mercenari diedero vita, nel volgere di pochi decenni, ad uno dei più importanti ed illuminati regni della storia dell’Italia medievale.

Originari delle terre scandinave ma provenienti dalla Normandia, gli “Uomini del Nord” seppero ben inserirsi in quello che era lo scacchiere politico del momento. Aver combattuto al fianco dei Bizantini, li aveva resi consapevoli della fragilità dei vari stati per i quali o contro i quali avevano combattuto. Le ricchezze di queste terre meridionali, inoltre, aveva esercitato sui conquistatori del Nord un forte fascino tanto da spingerli alla conquista di un numero sempre maggiore di territori. Conquistarono in meno di un secolo i territori longobardi e i ducati costieri.

ll più illustre principe normanno fu Ruggero II. Questi unificò nelle sue mani le conquiste di suo zio Roberto e quelle del padre Ruggero I, riuscendo ad ottenere da papa Innocenzo III, il titolo di re di Sicilia nel 1139. Sorgeva così un regno dell’Italia meridionale che sarebbe stato destinato a prolungare la sua esistenza fino al 1860, esercitando un ruolo di primaria importanza nella storia nazionale ed europea.

 

CookiesAccept

Questo sito o gli strumenti da terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Per saperne di piu'

Approvo